Fatti fritti

Ricetta

Un chilo di farina ( metà 00 e metà Manitoba)

5 uova

180 grammi di zucchero

120 grammi di strutto

Un limone grattugiato

Un arancia grattugiato

Il succo dell’arancia ( a piacere nel caso si deve diminuire il latte)

200 grammi di latte caldo

Un bicchiere di liquore a piacere ( noi in Sardegna usiamo su filu ferru, acqua vite sarda, ma ci sta bene qualsiasi liquore, oppure vino bianco.

Per il lievito: se mettete la pasta madre il 20 per cento cioè 200 grammi ( attenzione però che quando preparate il rinfresco deve essere usata lo stesso tipo di farina che andrete ad impastare in questo caso la 00.

Oppure lievito di birra : 25 grammi se aspettate dalla mattina alla sera, se veloce 50 grammi . Ricordate però che con poco lievito il dolce verrà più leggero e più gustoso; dipende quindi dal tempo che avete.

Preparate L’impasto, se usate la planetaria mettete prima le uova con lo zucchero e lavorate un pochino, aggiungete il lievito le uova, gli agrumi, lo strutto sciolto ma freddo, il latte alternandolo piano piano alla farina setacciata. Fate lavorare per almeno 20 minuti, per ultimo il liquore cercando di farlo amalgamare piano piano. Se lo fate a mano metterete prima la farina è poi tutto il resto. Ricordate che il latte non deve essere bollente ma bello caldo.

Fate lievitare al caldo coperto fino a che non raddoppia.

Rovesciate L’impasto sopra una spianatoia spolverata di farina, allargatelo con un mattarello e formate delle ciambelle ( trovate le forme grandi e piccole a comprarle. Le mettete sopra un canovaccio con della farina per aspettare la seconda lievitazione ( devono diventare belle gonfie)Se volete potete fare le forme a mano prelevando con due cucchiai un po’ di impasto dandole la forma e facendo il buco con il dito.

In questa foto sono pronti per friggere. Ne ho fatto anche piccole

Friggetele con olio di semi non troppo caldo altrimenti si bruciano fuori e rimangono crude dentro. Giratele una sola volta. Passatele subito dopo nello zucchero semolato.

A presto Pina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *