Pasta madre

Fare la pasta madre non è difficile ma bisogna avere pazienza per ottenere il risultato, che sicuramente arriverà. Impastate 200 grammi di farina forte con 100 grammi di acqua e un vasetto di yogurt naturale oppure mezza mela grattugiata o un bel cucchiaio di miele; questi ingredienti servono per aiutare la fermentazione. Mettete L’impasto dentro un barattolo di vetro a bordo alti, copritelo con pellicola e fate qualche buchetto con uno stecchino. Sistematelo in un ambiente asciutto e aspettate 48 ore.

A questo punto pesate 200 grammi di impasto e rimpastatelo con 100 grammi di acqua e 200 di farina, rimettetelo dentro il contenitore pulito.

. Aspettate 24 ore e quindi ogni giorno farete la stessa cosa. Vi accorgerete che ogni volta rimarrà un po’ di pasta ( esubero) questo vuol dire che piano piano sta crescendo. L’esubero è da buttare.

Fate questo lavoro per almeno 10 12 15 giorni, oppure fino a quando L’impasto in 4 5 ore triplica o almeno raddoppia.

Il contenitore deve essere a bordo alti perché alla fine dovrà contenere L’impasto lievitato.

La pasta madre è pronta. Se volete datele un nome e tanto amore. 💓

A questo punto si mette in frigo ben chiuso .

Ricordatevi però che,anche se non lo usate, ogni settimana vorrá rinfrescato altrimenti muore e dovete iniziare tutto daccapo.

Quando decidete di usarlo rinfrescatelo ( sempre con lo stesso sistema ) affinché sia più forte per preparare il pane,

cioè vivo.

Non Scoraggiatevi molti hanno ottenuto il risultato con solo una settimana, io ricordo che ho dovuto aspettare 12 giorni ma la soddisfazione indescrivibile.

La percentuale per ogni chilo di farina varia dai 15 -20_25 grammi, molto dipende dall’ambiente più o meno caldo dove il pane è messo a lievitare.

La pasta madre più si usa e più diventa forte

Ricordatevi che l’odore dev’essere gradevole ma non acido. Buon lavoro

A presto Pina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *